sabato 31 maggio 2014

Splendida vittoria per Naomi Stella a Baku nel corso dei Trials europei

Subito una splendida notizia per l’Italia, Noemi Stella è la prima qualificata olimpica ai Trials europei di Baku: il bronzo mondiale di Donetsk vince la gara dei 5000m di marcia in 23:31.5 e stacca così il biglietto per i Giochi di Nanjing (ottava Caterina Bertazzo, 24:44.3). La mattinata della giornata inaugurale dell’EYOT offre più di un lampo azzurro: miglior tempo europeo dell’anno nelle batterie dei 400m per la 16enne lombarda Ilaria Verderio (54.57, quarta allieva di sempre, migliore all-time al primo anno di categoria) e anche Alice Mangione firma il personale (55.31) e l’ammissione alla finale di domenica. Si migliorano nei 100m sia Diego Pettorossi (direttamente in finale con 10.79), sia Filippo Tortu (miglior ripescato con 10.78): sono quinto e sesto in vista dell’atto decisivo del pomeriggio. La bolzanina Julia Calliari – settimo tempo delle batterie (12.10) – proverà a conquistare una delle quattro “carte olimpiche” dei 100 metri nella finale di stasera, mentre il veneto Gianluca Santuz (promosso in qualificazione con 6.97) potrà ambire ad uno dei sei posti in palio domani nel lungo. Bravo anche il martellista romano Tiziano Di Blasio, che piazza subito un 67.06 e ottiene il passaggio del turno con la decima misura.

venerdì 30 maggio 2014

Italiani di prove Multiple per Junior e Promesse domani a Lana (BZ) la rassegna nazionale giovanile di decathlon ed eptahlon

In provincia di Bolzano a Lana, domani si disputeranno i Campionati Italiani Juniores e Promesse di Prove Multiple. Fino a domenica 1° giugno, la località altoatesina ospiterà la rassegna nazionale giovanile nella quale saranno in azione anche diversi specialisti senior proiettati sull'impegno azzurro di Coppa Europa (2nd League) a Medeira (Portogallo, 5-6 luglio). Una settantina in tutto (42 uomini e 34 donne) gli iscritti tra decathlon ed eptathlon nella due giorni di Lana. A livello assoluto, nelle dieci fatiche, nuovo capitolo della sfida tra il campione d'Italia Michele
Calvi (Esercito) e il tricolore indoor Simone Cairoli (Lecco-Colombo Costruzioni). Un duello nel quale cercheranno di farsi largo anche Gianluca Simionato (Nuova Atl. Fanfulla Lodigiana) e Marco Ribolzi (Virtus CR Lucca). Al femminile Cecilia Ricali (Fiamme Azzurre) affronta le due campionesse assolute in carica Carolina Bianchi dell'Atletica Lugo (outdoor) ed Enrica Cipolloni delle Fiamme Oro (indoor).
Passando alle prove "under", i nomi da seguire sono quelli della giavellottista Sara Jemai (Esercito) che dovrà difendere il suo titolo Promesse nell'eptathlon da Laura Oberto (Atl. Canavesana) e Flavia Nasella (ACSI Italia Atl.). Tra gli under 23, invece, Vincenzo Vigliotti (Studentesca CaRiRi), leader tra gli juniores nel 2013, fa il suo esordio nella categoria superiore misurandosi con il compagno di club Roberto Paoluzzi e i piemontesi Davide Sottile e Matteo Omedè (Atl. Piemonte). Per finire gli under 20 con Simone Fassina (Team-A Lombardia) - classe 1996 e primatista nazionale indoor del pentathlon Allievi - che guida le liste stagionali a quota 7.109 punti. Con lui dovranno vedersela, tra gli altri, Edoardo Pellisetti (Atl. Piemonte), argento nella passata stagione. Tra le juniores, assente la campionessa uscente Ottavia Cestonaro, occhio a due atlete classe 1995 come Federica Palumbo (Modena Atl.) e Lisa Seppi (SG Eisacktal Raiffeisen) opposte a Federica Palumbo (US Sangiorgese) e Sabrina Carretta (Fiamme Oro), rispettivamente terza e quarta nella passata edizione.

Tutti i risultati dei campionati studenteschi 2014 dell'Aquila


Si sono conclusi a l'Aquila i Campionati Italiani Studenteschi 2014 con in campo gli studenti delle scuole medie di primo e secondo grado. A cinque anni dal terremoto l’impianto ‘Isaia Di Cesare’ - sede del più grande campo di accoglienza aquilano – ospita la sfida per i titoli nazionali di 1493 atleti fra cui 187 con disabilità, in corsa nelle due categorie cadetti (nati nel 2000 e 2001) e allievi (nati dal 1997 al 1999). Nei 100 metri della manifestazione organizzata da FIDAL, MIUR e CONI con la collaborazione del Comitato Italiano Paralimpico (CIP) ed il supporto di Kinder+Sport, si laurea campionessa italiana studentesca proprio una ragazza aquilana: la volata di Ludovica Clementini, studentessa del liceo classico, fa esplodere in pista e in tribuna il tifo dei ragazzi de L’Aquila tagliando il traguardo in 12.28 (+1.1). Non ha rivali nei 1000 Marta Zenoni (2:47.20) nella gara di cui possiede la MPI under18, mentre fra le cadette Nadia Battocletti colleziona il terzo titolo tricolore in pochi mesi (2:59.81) dopo quelli di cross e corsa in montagna. Marta Baruffini (LSS Ulivi) si impone nel peso allieve sfiorando il limite personale con un lancio da 14,17 mentre fra i pari età maschili il campione è tricolore è Andrea Proietti (IIS Rosatelli) con 16,34. Fa segnare 49.64 sul giro di pista Raffaele Fusaro. Sui 100hs allieve festeggia Camilla Rossi con 14.42 (+0.2) mentre  Federico Rossi, specialista anche dei 200, si fa notare fermando i cronometri a 14.00 (-1.1) nei 110 ostacoli allievi. La due giorni elegge le scuole campioni nazionali. Fra le Allieve il migliore è il Liceo Scientifico Galileo Galilei di Trieste (38 punti) con l’IIS Alberghetti di Imola primo fra gli Allievi a quota 22punti. Fra i cadetti festeggiano l’Istituto Comprensivo n° 11 di Vicenza (35 punti) al maschile e l’ICS Angelini Alemanno San Bartolomeo di Bergamo (31) al femminile.

Di seguito tutti i risultati: http://www.fidal.it/risultati/2014/COD4772/Index.htm

giovedì 29 maggio 2014

100km del Passatore 2014, si conferma Calcaterra per la nona volta consecutiva

Anche l’edizione 2014 della 100km del Passatore dello scorso week end è andata nelle mani di Giorgio Calcaterra il re della 100km del Passatore, che quest’anno però ha dovuto faticare più del previsto per vincere, per la nona volta consecutiva, la classica ultramaratona tra Firenze e Faenza. Il 42enne portacolori del RFC Roma Sud ha tagliato il traguardo in 7h05:06 al termine di una gara in grande rimonta sull’ucraino Evgeni Glyva – che nel corso della gara aveva accumulato sino a 4:30 di vantaggio, ma che è poi affondato sino al settimo posto in 7h26.24 – e su Hermann Achmueller (ASV Jenesien Soltnflitzer),alla fine secondo in 7h08.40.
Sul traguardo di Faenza Calcaterra è arrivato con 3:33 di margine proprio sull’altoatesino, mentre al testo posto si è issato Daniele Palladino (SS.Pol.Atl.Scandiano), un altro atleta rimasto cauto nelle fasi iniziali per poi recuperare nel finale (7h12:29). Nella 100km valida come decima prova del Grand Prix Iuta 2014 la migliore fra le donne è stata la croata Marija Vrajic in 7h51:43 mentre la prima italiana è stata Francesca Canepa (Atletica Sandro Calvesi), quarta in 8h38:51.

mercoledì 28 maggio 2014

Oggi l’Aquila ospita la Finale nazionale dei Campionati italiani Studenteschi 2014

L’edizione 2014 della Finale Nazionale dei Campionati Studenteschi di Atletica Leggera, in programma a L’Aquila oggi e domani vedrà la città abruzzese invasa da un’onda di più di 1700 ragazzi e ragazze (di cui circa 300 diversamente abili) provenienti da tutta Italia. L’evento è organizzato dal MIUR con la collaborazione di CONI, FIDAL, CIP e Comune dell’Aquila. Main partner della FIDAL per la manifestazione è Kinder+Sport.
Domani si entrerà nel vivo della competizione agonistica, con le gare che, da mattina a pomeriggio inoltrato, si susseguiranno senza soluzione di continuità nel nuovissimo impianto intitolato alla memoria di Isaia Di Cesare e inaugurato solo una settimana fa alla presenza del Presidente del Coni Giovanni Malagò. “Per lo stadio Isaia Di Cesare – afferma Concetta Balsorio, Presidente FIDAL Abruzzo – sarà un battesimo del fuoco, ma siamo sicuri che la l’idea di voler organizzare ad ogni costo l’evento a L’Aquila sarà ripagata, speriamo anche con qualche risultato di rilievo”. Dopo aver accolto nel 2013 la Finale nazionale di corsa campestre, L’Aquila si conferma così ancora una volta al teatro dei Campionati Studenteschi, questa volta ospitando l’atto conclusivo della manifestazione più prestigiosa su pista. “Una grande manifestazione – ha sottolineato il coordinatore Regionale per l’Educazione Fisica e Sportiva Antonello Passacantando – che abbiamo organizzato lavorando alacremente, cercando di coinvolgere tutte le realtà culturali e sportive del territorio e mettendo insieme una squadra di più di 140 volontari”.
Per capire la portata dell’evento, infatti, basta pensare che, lo scorso anno, le Finali degli Studenteschi di Atletica Leggera fecero da preludio al più prestigioso meeting del panorama italiano, il Golden Gala di Roma. “Un’occasione da non perdere – dichiara il Presidente del CONI Abruzzo Enzo Imbastaro – sia dal punto di vista sportivo che sociale: indubbiamente l’evento potrà e dovrà fungere da volano per promuovere lo sport sul territorio ma sopratutto per non far abbassare l’attenzione generale sulla situazione aquilana”.

martedì 27 maggio 2014

Master: Risultati tricolori staffetta svedese, prove multiple e 10.000 metri



A Desenzano del Garda con l'organizzazione del GS Sant’Angela AVIS lo scorso week end si sono conclusi i Campionati italiani Master di 10.000 metri, prove multiple e staffette 100+200+300+400 maschile e femminile, 4x1500 maschile e 4x800 femminile che hanno visto la presenza di oltre 600 atleti over 35. Nel corso della manifestazione  sono state stabilite 17 MPI, 13 delle quali in staffetta.
La società che si è distinta rispetto alle altre con ben quattro limiti migliorati,  è stata il  Road Runners Club di Milano con le 100+200+300+400 SM65 (2:33.47) e SM80 (3:53.90), la 4x1500 SM75 (28:15.18) e la 4x800 SF60 (15:14.50). Nelle staffette 100+200+300+400 stabiliscono le migliori prestazioni nazionali anche gli uomini della Masteratletica(SM50/2:08.10) e dello Sportclub Merano (SM75/3:24.55) e le donne dell’Atletica Lonato LEM Italia (SF60/3:19.71), della SEF Macerata (SF65/3:49.34) e dell’Assi Giglio Rosso Firenze (SF55/2:43.76). Nella 4x1500 maschile nuovi limiti anche per Cambiaso Risso Running Team (SM60/20:37.11) e Atletica Cinisello (SM65/23:17.24); migliori crono mai realizzati nella 4x800 femminile invece per Suedtirol Team Club (SF55/11:15.76) e ancora Atletica Lonato LEM Italia (SF40/10:47.74).
Gli altri due limiti tricolori arrivano dalle prove multiple. Sergio De Pretis (Atl. Ambrosiana) è il primo SM60 ad abbattere quota 6000 punti nel decathlon (6298), mentre Ernesto Minopoli (Amatori Masters Novara) con 5681 punti mette il proprio nome anche tra i primatisti del decathlon SM80. Si arricchiscono di altre due MPI intanto le collezioni di Ingeborg Zorzi (Sportclub Merano) nell’eptathlon SF65 (4787 punti) e di Rossella Zanni (Mollificio Modenese Cittadella) nell’eptathlon SF50 (4791 punti).
TUTTI I RISULTATI:
10.000 metri
UOMINI
SM35: Adil Lyazali (Casone Noceto) 31:16.3
SM40: Roberto Catalano (CUS Torino) 33:13.3
SM45: Fabio Caldiroli (Calcestruzzi Corradini Rubiera) 33:27.96
SM50: Enzo Vanotti (AS Lanzada) 33:39.98
SM55: Giovanni Ramponi (Atl. 99 Vittuone) 35:44.85
SM60: Francesco Caliandro (Azzurra Garbagnate) 36:15.26
SM65: Dario Rappo (Masteratletica) 38:54.26
SM70: Pasquale De Vita (Atletica 85 Faenza) 46:43.55
SM80: Benvenuto Pasqualini (Idealdoor Libertas San Biagio) 49:04.38
DONNE
SF35: Antonella Altea (Atletica Dolianova) 41:31.42
SF40: Sonia Marongiu (GS Valsugana Trentino) 39:10.18
SF45: Cristina Clerici (GS Bernatese) 38:59.05,
SF50: Carmen Piani (Atl. Lecco Colombo) 41:10.72
SF55: Maria Lorenzoni (Atletica 85 Faenza) 41:19.79
SF60: Rosa Pattis (Suedtirol Team Club) 47:15.10
SF65: Giovanna Mondini (Marathon Cremona) 49:32.76
SF70: Jole Sellan (Atletica Aviano) 1h00:54.76
SF75: Maria Cristina Fragiacomo (Atletica Aviano) 1h03:31.75
Prove Multiple
UOMINI - Decathlon
SM35: Federico Nettuno (NA Fanfulla) 5326 punti
SM40: Alberto Camatti (Atletica 85 Faenza) 5369 punti
SM45: Franco Donati (Atl. Rimini Nord Santarcangelo) 4671 punti
SM50: Fabrizio Ricci (Pol. Atl. Bollate-Novate) 5368 punti
SM55: Hubert Indra (Suedtirol Team Club) 6776 punti
SM60: Sergio De Pretis (Atl. Ambrosiana) 6298 punti (MPI)
SM65: Mauro Angelini (Alma Juventus Fano) 5242 punti
SM70: Alberto Sofia (CUS Bari) 4341 punti
SM80: Ernesto Minopoli (Amatori Masters Novara) 5681 punti (MPI)
DONNE – Eptathlon
SF35: Nicoletta Dessì (Amsicora) 2673 punti
SF40: Alessandra Ponte (Brescia Marathon) 3655 punti
SF45: Cristina Benedetti (Atletica Pistoia) 2675 punti
SF50: Rossella Zanni (Mollificio Modenese Cittadella) 4791 punti (MPI)
SF60: Anna Maria Giovanelli (Alma Juventus Fano) 3463 punti
SF65: Ingeborg Zorzi (Sportclub Merano) 4787 punti (MPI)
Staffetta 100+200+300+400
UOMINI
SM40: Atletica Firenze Marathon (Guaragni Corrado - Ridi Lorenzo - Salvadori Paolo - Pratesi Simone) 2:07.08
SM45: Masteratletica (Tegorelli Fausto - Belotti Massimo - Fabris Luca - Cattani Massimiliano) 2:11.51
SM50: Masteratletica (Gianello Roberto - Vanzo Luigi - Ceola Maurizio - Zarantonello Simone) 2:08.10 (MPI)
SM55: Atletica Cogne Aosta (Chatrian Domenico - Framarin Vittorio - Sarteur Laurent - Berard Leo) 2:26.70
SM60: Sef Macerata (Trubbiani Francesco - Mallardi Giulio - Bugiardini Livio - Tifi Alessandro) 2:21.66
SM65: Road Runners Club Milano (Cambiaghi Aldo - Coccato Marco - Montaruli Antonio - Del Rio Aldo) 2:33.47 (MPI)
SM70: Vittorio Alfieri Asti (Mazzetto Luciano - Vogliotti Ugo - Cerruti Giovanni - Povero Francesco) 2:52.28
SM75: Sportclub Meran Asv (Zorzi Aldo - Mazzoli Guido - Zanol Marco - Laimer Hans) 3:24.55 (MPI)
SM80: Road Runners Club Milano (Marchisio Rodolfo - Sala Bruno - Motta Isolano - Ferrari Pietro) 3:53.90 (MPI)
DONNE
SF40: Atletica Ambrosiana (Servadei Silvia - Tellini Susanna - Nacchi Simona - Prina Silvia) 2:35.2
SF45: Trieste Atletica (Grasso Alessandra - Capitanio Paola - Prenz Betina - Brezzoni Tiziana) 2:30.94
SF50: Virtus Castenedolo (Quilleri Mariuccia - Signori Marinella - Ferroni Barbara Frances - Fusi Perlina) 2:38.58
SF55: Assi Giglio Rosso Firenze (Passani Maria Beatrice - Giannoni Susanna - Aldrovandi Daniela - Lanzini Gianna) 2:43.76 (MPI)
SF60: Atletica Lonato Lem Italia (Vecchi Maria - Barberini Rosa - Bellomi Angela - Mombelli Roberta) 3:19.71 (MPI)
SF65: Sef Macerata (Centioni Iolanda - Nardi Patrizia - Brandoni Brunella - Tentella Paola) 3:49.34 (MPI)
UOMINI - Staffetta 4x1500
SM35: Masteratletica (Mazzi Alex - Fabris Luca - Micheletto Fabrizio - Barbieri Manuel) 18:27.31
SM40: Sportiamo (Zacchigna Alessandro - Leban Alessandro - Maraspin Alessandro - Mandich Moreno) 17:59.20
SM45: Sportiamo (Pagano Giuseppe - Stopar Giuliano - De Laurentiis Walter - Spinelli Barrile Carlo) 18:14.65
SM50: Daini Carate Brianza (Redaelli Corrado - Romeo Giuseppe - Gatti Paolo - Gamberale Giuseppe) 18:35.17
SM55: Atletica Di Lumezzane (Bovegno Lorenzo - Antonelli Gianfranco - Zecchi Daniele - Zucchini Roberto) 19:53.41
SM60: Cambiaso Risso Running Team (Ginanneschi Angelo - Zavanella Vittorio - Gifuni Alfonso - Deplano Luigi) 20:37.11 (MPI)
SM65: Atletica Cinisello (Andreolli Remo - Guarino Franco - Chierici Cesare - Cossia Dante) 23:17.24 (MPI)
SM75: Road Runners Club Milano (Motta Isolano - Bernardini Oliviero - Ferrari Pietro - Marengoni Gianfranco) 28:15.18 (MPI)
DONNE - Staffetta 4x800
SF35: Atletica Bedizzole (Borghi Roberta - Franceschini Marzia - Braga Clara - Rosini Paola) 10:55.46
SF40: Atletica Lonato Lem Italia (Bartoli Claudia - Dahir Warsame Deqa - Bettoni Sandra - Avigo Laura) 10:47.74 (MPI)
SF45: Road Runners Club (Pedetta Barbara - Fiorentini Patrizia - Vinci Donatella - Baracetti Simona) 10:37.94
SF50: Assi Giglio Rosso Firenze (Lacava Giusy - Aldrovandi Daniela - Schob Susanne - Samuelli Lucia) 11:05.00
SF55: Sudtirol Team Club (Ploner Inge - Moser Elisabeth - Pattis Rosa - Barbi Lanziner Rosanna) 11:15.76 (MPI)
SF60: Road Runners Club Milano (Valassina Gabriella - Seminari Maria Enrica - Fumagalli Lorella - Firinu Lucia) 15:14.50 (MPI)
SF70: Atletica Aviano (Fragiacomo Maria Cristi - Sellan Jole - Furegon Erminia - Pin Angela) 15:57.92
atl.not.





lunedì 26 maggio 2014

Risultati meeting Castiglione della Pescaia , nel vento ottimo Andrew Howe nei 200 metri

È il vento il grande protagonista del Meeting di Castiglione della Pescaia (GR). Soffia forte alle spalle degli sprinter, che fanno segnare crono di rilievo ma evidentemente inficiati dal dato dell’anemometro. Andrew Howe, nel primo 200 metri della stagione, gareggia con alle spalle una raffica da +3.2. Il reatino, che a queste terre è legato dai due ori vinti ai mondiali Juniores nel 2004 e che su questa distanza il 5 giugno prossimo parteciperà al Golden Gala Pietro Mennea, ferma i cronometri a 20.60. Al secondo posto c’è l’under 23 Luca Valbonesi (Imola Sacmi Avis) con 21.45 e al terzo Matteo Moscetti (Fiamme Gialle) con 21.49.  Nei 100 femminili Audrey Alloh (Fiamme Azzurre) corre in 11.29, ma la folata alle spalle è di ben +4,6 m/s. La toscana comunque si impone in una sfida di rilievo in chiave azzurra, con Irene Siragusa (Atletica 2005) seconda in 11.36, Jessica Paoletta (Esercito) terza in 11.43 e la Forestale Gloria Hooper quarta in 11.47. Al maschile vince lo junior Luca Cassano (Firenze Marathon) in 10.46 (+2.8) davanti al coetaneo Marco Gianantoni (Virtus Emilsider) a 10.51.
Passando al mezzofondo, il meeting maremmano porta al nuovo limite personale Federica Del Buono che corre i 1500 in 4:13.26, nonostante le condizioni meteo non perfette. La vicentina, appena diciannovenne, all’esordio il 13 aprile aveva già corso i 1500 in 4:16.95 per poi prendersi la MPI under23 nei 3000 il 18 maggio a Gavardo in 9:01.38 (togliendo il limite a Roberta Brunet).
Sui 5000 il grossetano Stefano La Rosa approfitta per qualche chilometro del traino di Paul Kipchumba (Libertas Orvieto), ma da metà gara si trova solo sino al 13:59.51 finale.  Dalla pedana del giavellotto arriva il 72,28 di Antonio Fent (Carabinieri), mentre fa segnare 72,36 Marco Lingua (Fiamme Gialle) nel martello. Vince il lungo, che registra il ritorno in pedana della giovane Anastassia Angioi (Forestale), la maltese Rebecca Camilleri (Bracco) in 6,12 (-0.5) davanti ad Anna Visibelli (Firenze Marathon) a 6,05 (+1.0).

domenica 25 maggio 2014

Risultati prima giornata Coppa europa per club 2014, nella prima giornata guidano le Fiamme Gialle

Nicola Vizzoni
La prima giornata della Finale della Coppa Campioni per club in corso di svolgimento a Vila Real de Santo Antonio (Portogallo) si conclude nel migliore dei modi per l’Italia grazie alle Fiamme Gialle che chiudono in testa alla classifica a quota 64 punti davanti ai cechi del TJ Dukla Praha (53) e ai portoghesi dello Sport Lisboa e Benfica (50). Ieri i finanzieri, in campo da difensori del massimo titolo continentale per società, festeggiano tre vittorie individuali e una nella staffetta. In apertura di manifestazione arriva subito la vittoria di Nicola Vizzoni nel martello con la misura di 73,31 ma sono primi anche Fabio Cerutti nei 100 (in 10.68, stesso tempo dell’iridato dei 400 indoor Pavel Maslak), Leonardo Capotosti nei 400 ostacoli e la 4×100 (Fabio Cerutti,Eseosa Desalu, Diego Marani e Delmas Obou) al traguardo in 39.18. Nella finale del gruppo B, conclusasi oggi ad Amsterdam (Paesi Bassi), chiudono al sesto posto a quota 111 punti le ragazze dell’ACSI Italia Atletica.
A Vila Real de Santo Antonio (Portogallo), dove gli uomini delle Fiamme Gialle si presentano da difensori di un titolo che hanno vinto sia nel 2012 che nel 2013, il martellista azzurro risolve la pratica con un 73,31 al primo lancio che rimane irraggiungibile per gli avversari: il ceco Lukas Melich è secondo con 72,46 e il britannico Chris Bennet arriva appena oltre la fettuccia dei 70 metri (70,34). Nella prima giornata della massima rassegna continentale per società, che vede in campo otto club europei campioni nazionali in carica, i finanzieri festeggiano altre tre vittorie a partire da quella del velocista Fabio Cerutti che è – come un anno fa – il più veloce nei 100 metri in 10.68 (-0.9). Nota curiosa: il piemontese anticipa al fotofinish il campione mondiale indoor dei 400 metri Pavel Maslak, in gara per il TJ Dukla Praha e al traguardo con lo stesso tempo dell’azzurro. Punteggio pieno anche dai 400 ostacoli con Leonardo Capotosti che ferma i cronometri a 50.58 (avvicinando il personale di 50.06) e dalla staffetta 4×100 (composta da Fabio Cerutti, Eseosa Desalu, Diego Marani e Delmas Obou) prima al traguardo in 39.18. Due secondi posti arrivano grazie a Kevin Ojaku nel salto in lungo (7,47/+1.9) e ad Ahmed El Mazoury nei 5000 metri (14:07.56). Sul giro di pista è terzo in 47.16 Lorenzo Valentini, nella gara vinta da Donald Sanford (Maccabi Tel Aviv) in 46.55, mentre sono quarto Andrea Lemmi nell’alto (2,17) e quinto Almanio Romano nel giavellotto (66,14). Sesto posto per il ventenne Samuele Dini nei 1500: il vicecampione europeo junior dei 5.000 corre in 3:50.66 nella gara vinta da Tanui ilHam Ozbilen in 3:38.33.

sabato 24 maggio 2014

Campionato mondiale di staffette 2014, Oggi c'è attesa per le azzurre della 4x400metri

Oggi a Nassau (Bahamas) prende il via il campionato mondiale di staffette prima edizione dell’evento iridato dedicato alle sole staffette (4×100, 4×200, 4×400, 4×800 e 4×1500). Saranno circa 600 gli atleti impegnati con 43 Paesi che si contenderanno i titoli iridati. In palio c’ è anche la qualificazione automatica (per 4×100 e 4×400) ai Mondiali di Pechino 2015 per i primi 8 quartetti classificati senza dimenticare il trofeo che verrà assegnato alla Nazione che avrà ottenuto il maggior punteggio nella speciale classifica combinata.
Per l’Italia ci saranno le cinque atlete della 4×400 metri di cui 3 detentrici del record italiano di specialità assoluto all’aperto: 3:25.71 agli Europei di Barcellona 2010. La prima del lotto è la primatista italiana del giro di pista Libania Grenot (50.30 nel 2009). La velocista delle Fiamme Gialle ormai dal 2011 si allena in Florida seguita dal tecnico statunitense Loren Seagrave. Quest’anno ha già esordito con 52.85 il 10 maggio in Guadalupa, dopo un 23.50 controvento nei 200 a Saint-Martin. Significativo poi il 36.82 da lei appena centrato ad Atlanta, crono che ne ha fatto la seconda italiana di tutti i tempi sui 300 metri dopo Manuela Levorato (36.30 nel 2000).
Al via anche la tricolore assoluta in carica, all’aperto e in sala, Chiara Bazzoni, 52.06 di PB in occasione della vittoria ai Giochi del Mediterraneo 2013. La toscana dell’Esercito è seguita da sempre da Angela Fè, ma da un anno svolge periodici cicli di preparazione a Roma nel gruppo del tecnico Vincenzo De Luca.
Poi ci sarà la 25enne della Lecco-Colombo Costruzioni Elena Bonfanti (PB 52.61 nel 2013) che ha debuttato in 53.40 a Lodi ad inizio maggio. Farà parte della spedizione anche Maria Enrica Spacca (Forestale) che quest’anno sulla distanza ha al suo attivo il 53.67 degli Assoluti Indoor.
La novità dell’Italia è, invece, Ylenia Vitale promettente 19enne della Libertas Friul Palmanova che con 54.14 è da poco diventata la sesta quattrocentista under 20 italiana di sempre. Nel 2013, Ylenia ha fatto parte del quartetto che, agli Europei Juniores di Rieti, ha portato a 3:37.61 un primato di categoria che resisteva da trent’anni.
A Nassau le azzurre scenderanno in pista per le batterie quando in Italia saranno le 00:38 del 25 maggio, mentre il giorno seguente sono in programma le finali (26 maggio: ore 00:14 finale B – ore 00:26 FINALE). In tutto sono 13 le formazioni iscritte con in testa gli Stati Uniti capitanati dall’olimpionica Sanya Richards-Ross e la Russia che, seppur non con le stesse staffettiste, è la detentrice del titolo iridato della specialità. Da seguire anche la Giamaica che schiera, tra le altre, Novlene Williams-Mills e Kaliese Spencer, e la Gran Bretagna della campionessa del mondo Christine Ohuruogu.

venerdì 23 maggio 2014

Campionati Universitari 2014, grande attesa oggi per Eleonora Giorgi primatista mondiale

L'attesa è tutta per Eleonora Giorgi annunciata ai Campionati Nazionali Universitari 2014 di Milano oggi e domani  all’Arena Civica Gianni Brera. L’azzurra sarà impegnata proprio sui 5.000 metri di marcia su pista, distanza su cui domenica scorsa a Misterbianco è diventata, con il crono di 20:01.80, la più veloce di sempre al mondo. Studentessa della Bocconi e tesserata per le Fiamme Azzurre, la 24enne indosserà la maglia del CUS Milano in quelle che per lei, meneghina doc, si annuncia come una vera e propria passerella davanti al pubblico di casa. Una tappa di pasaggio dunque nel suo cammino verso la rassegna continentale di Zurigo (la 20km è in programma il 14 agosto), percorso che l’allieva di Gianni Perricelli ha già saputo costellare di risultati di rilievo: a cominciare dal record italiano della 20 chilometri conquistato a Taicang nella Coppa del Mondo di marcia, primato strappato dopo 13 anni con 1h27:05 a Elisabetta Perrone, preceduto da quello indoor sui 3.000 metri
La rassegna universitaria milanese attende anche molti altri protagonisti.Sui 100 metri sono iscritti Massimiliano Ferraro (CUS Napoli/Enterprise Sport & Service), capace di 10.34 a Gavardo tre giorni fa, Federico Cattaneo (CUS Milano/Rovellasca), Lorenzo Angelini (CUS Ancona/AVIS Macerata) e Lorenzo Bilotti (CUS Bologna/Imola Sacmi AVIS). Nei 400 sono attesi Davide Re (CUS Torino), di rientro da alcuni mesi in Florida sotto la guida di Loren Seagrave, Vito Incantalupo (CUS Foggia/Enterprise Sport & Service) e la romana della Bracco Atletica Flavia Battaglia (CUS Roma). C’è curiosità poi per il doppio impegno di Sara Galimberti (CUS Milano/Bracco Atletica) su 5.000, distanza in cui ha un personale di 15:55.00, e 1500 dove troverà Isabella Cornelli (CUS Milano/Atletica Bergamo Creberg). Fra gli uomini il miglio metrico attende invece l’under 23 Joao Bussotti Neves (CUS Pisa/Atletica Livorno) e Andrea Tagnese (CUS Torino) con Riccardo Passeri (CUS Perugia/Aeronautica), Italo Quazzola (CUS Torino/Atletica Piemonte) e Valeria Roffino (CUS Piemonte/Fiamme Azzurre) nei 3.000 siepi. Il doppio giro di pista annuncia invece, oltre alla già citata Cornelli, Elisa Bortoli (CUS dei laghi/Atletica Brescia), Emilio Perco (CUS Padova/Ana Atletica Feltre) e Yassine El Houdni (CUS Modena/La Fratellanza). Difende il titolo sui 110 ostacoli John Mark Nalocca (CUS Camerino/Carabinieri).

giovedì 22 maggio 2014

Sabato parte la 42ª edizione della 100 km del passatore edizione 2014

Parte sabato alle 15.00 la 42ª edizione della 100km del Passatore, classicissima ultramaratona valida come decima prova del Grand Prix Iuta 2014. La partenza è in via de Calzaiuoli a Firenze, l’arrivo, molti chilometri dopo, in Piazza XI Febbraio Faenza.  Gli iscritti sono 2.205, fra cui 305 donne e 98 stranieri provenienti da 28 nazioni: Argentina, Australia, Austria, Belgio, Croazia, Equador, Finlandia, Francia, Germania, Gran Bretagna, Irlanda, Israele, Kazakistan, Marocco, Norvegia, Paesi Bassi, Perù, Repubblica Ceka, Repubblica di San Marino, Romania, Russia, Slovacchia, Slovenia, Stati Uniti, Svezia, Svizzera, Ucraina e Vietnam.
Come sempre organizzata dalla Associazione Sportiva Dilettantistica 100 Km del Passatore vede fra i favoriti un nome su tutti, quello del vincitore delle ultime otto edizioni, primatista della corsa e campione iridato della specialità: Giorgio Calcaterra. Il runner del RCF Roma Sud troverà di nuovo la concorrenza del secondo e terzo dello scorso anno ovvero l’ucraino Eugeni Glyva e l’altoatesino Hermann Achmueller (ASV Jenesien Soltnflitzer). Attenzione anche ad altri piazzati delle scorse edizioni come il capoverdiano Adilson Fortes Spencer Varela, Emanuele Zenucchi (Runners Valseriana), Daniele Palladino (SS.Pol.Atl.Scandiano) e Marco Boffo (GS Valsugana Trentino). Il parco partenti femminile annuncia invece in prima linea Sonia Ceretto (Maratoneti Del Tigullio) e la croata Veronika Jurisic. Un record, al Passatore 2014, è già scritto: il veronese Walter Fagnani sarà al via per la 41 volta su 42 edizioni, di cui 40 concluse. Fagnani, vero affezionato della corsa, ha 89 anni.

(da comunicato stampa organizzatori)

mercoledì 21 maggio 2014

Grande successo a Roma per la Race for the Cure 2014

Sono stati oltre 60mila i partecipanti alla tappa romana della XV Race For The Cure, la corsa itinerante dedicata alla sensibilizzazione alle malattie femminili e al cancro al seno in particolare. Fra di loro erano 5.000 le ‘donne in rosa’, quelle che stanno affrontando o hanno sconfitto la malattia e che domenica mattina hanno preso parte all’evento indossando una speciale maglietta. Sui 5 chilometri del percorso, con partenza dal Circo Massimo e arrivo in via dei Cerchi, la più veloce è stata Laila Soufyane (Esercito) al traguardo in 16:50, mentre al maschile ha vinto Fabiano Carrozza (Aeronautica) in 14:39. Tra le migliaia di partecipanti anche le madrine Maria Grazia Cucinotta e Rosanna Banfi, il presidente della Komen (associazione promotrice dell’evento) Judy Salerno, il sindaco di Roma Ignazio Marino e il ministro della Salute Beatrice Lorenzin.

martedì 20 maggio 2014

Tania Vicenzino protagonista assoluta del Meeting di Gavardo

Tania Vicenzino
La protagonista assoluta del IX Meeting Città di Gavardo – V Memorial Max Corso è stata Tania Vicenzino atterrata nel salto in lungo a m. 6,65. L’azzurra ha migliorato così la già sua quinta miglior prestazione italiana alltime, perfezionando il primato personale di otto centimetri (6,57/ +0.6 a Chiasso nel 2012) ed eguagliando il 6,65 ventoso (+2.1) fatto segnare nel 2012 a Bressanone. La misura della ventottenne di Palmanova (Udine) soddisfa anche lo standard d’iscrizione per i prossimi Campionati Europei di Zurigo (6,60). Questa nel dettaglio la sua serie, molto regolare e senza alcun salto nullo: N – 6,28 (-2.6) – 6,44 (-1.0) – 6, 45 (-0.7) – 6,45 (+1.1) – 6,65 (-0.5). In seconda piazza c’è la svizzera Irene Pusterla con 6,11 (-1.2). Tra gli uomini stampa 7,76 con vento +0.8 il tricolore in carica Alessio Guarini (Fiamme Oro) mentre è secondo Kevin Ojiaku (Fiamme Gialle) con 7,61 (+1.8) e terzo con 7,59 (+1.0) il triplista Fabrizio Schembri (Carabinieri).
Nei 100 la vittoria è andata a Fabio Cerutti in 10.27 (+1.4), davanti di un solo centesimo al sorprendente Enrico Demonte (Fiamme Oro) 10.28 che straccia il limite personale ed entrambi i velocisti scendono al di sotto dello standard di iscrizione alla rassegna continentale (10.30). Al terzo posto in 10.34 c’è Massimiliano Ferraro dell’Enterprise Sport & Service, che in batteria aveva corso in 10.58 (-1.5). I 300 maschili, privi di Matteo Galvan, sono vinti da Check Hamed Minougou (Atletica Vicentina) in 33.44 davanti a Francesco Cappellin (Aeronautica) in 33.60 e a Michele Tricca (Fiamme Gialle) in 34.06.
E’ arrivata anche una miglior prestazione italiana Promesse: è quella di Federica Del Buono (Forestale) che con 9:01.38 migliora il limite under23 che apparteneva a Roberta Brunet (9:01.55 nel 1986 a Zurigo). La vicentina si impone su un’altra veneta, la trevigiana Giulia Viola (9:03.26) rimasta in testa per tutta la gara – con almeno una decina di metri di vantaggio – ma a corto di carburante negli 80 metri finali dove subisce prima la rimonta e poi il sorpasso da parte di Del Buono. Entrambe comunque riescono ad anticipare Linah Cheruto, kenyana all’arrivo in 9:04.66 ma sono da segnalare anche l’Allieva Nicole Reina (CUS Pro Patria Milano) e la junior Anna Stefani (ASV Sterzing Volksbank), rispettivamente a 9:25.92 e 9:34.69, appena sotto allo standard per la rassegna iridata junior di Eugene (9:35.00).

lunedì 19 maggio 2014

Record del mondo per Eleonora Giorgi nella 5 km di marcia


Eleonora Giorgi
Eleonora Giorgi ieri a Misterbianco in provincia di Catania ha riscritto la storia della 5 km di marcia mondiale. A due settimane esatte dal record italiano della 20km (1h27:05) con il quinto posto in Coppa del Mondo a Taicang (Cina) oggi la marciatrice delle Fiamme Azzurre ha battuto non solo il limite nazionale, ma ha stabilito la migliore prestazione mondiale di sempre. L’impresa è avvenuta ieri sui 5000 metri in pista a Misterbianco (CT), in occasione della seconda prova dei Campionati di Società. Stavolta la 24enne milanese ha fermato il cronometro a 20:01.80, superando il limite iridato sulla distanza di 20:02.60 che apparteneva all’irlandese Gillian O’Sullivan (Dublino, 14 luglio 2002). Tolti più di 10 secondi alla precedente migliore prestazione italiana di 20:12.41 realizzata da Elisabetta Perrone (ex primatista anche della 20km) il 2 agosto del 2003 a Rieti.
Per l’azzurra si tratta di una prestazione che ne conferma la dimensione internazionale su cui ormai sembra proiettata in ottica Europei di Zurigo. A Taicang aveva marciato i 5km finali in 20:47, praticamente eguagliando quello che fino ad oggi era il personale sui 5km in pista, 20:46.2 nel 2013, migliorato di quasi 45 secondi. Con quello odierno la lombarda studentessa di Economia alla Bocconi, aggiunge un terzo sigillo alla sua collezione di record nazionali intrapresa lo scorso febbraio ad Ancona con l’11:50.48 nei 3000 metri indoor.

domenica 18 maggio 2014

Risultati campionati italiani 10.000 metri Ferrara 17 Maggio 2014

Veronica Inglese

Si sono svolti sabato i campionati italiani dei 10.000 metri a Ferrara e le vittorie sono andate a Veronica Inglese e Jamel Chatbi che si sono laureati campioni italiani 2014. Dopo le vittorie tricolore nel cross a marzo,  entrambi hanno fatto il bis in pista. Sede della rassegna nazionale Ferrara dove la 23enne pugliese dell'Esercito è stata protagonista di una prova in solitaria che l'ha condotta al traguardo in 32:25.76. Tradotto significa primato personale riscritto di oltre un minuto (precedente 33:21.20 nel 2012) e standard di iscrizione federale (32:30.00) per i prossimi Europei di Zurigo (12-17 agosto). Un crono che la vede salire al quattordicesimo posto delle liste nazionali di sempre e al decimo del ranking stagionale del Vecchio Continente. "Mi sono ritrovata in testa da sola - le parole dell'azzurra all'arrivo - e quindi ho optato per un ritmo regolare dall'inizio alla fine. Sono passata a metà garà in 16:10 con un ultimo giro chiuso in 1:14.

 Per lei questo è il terzo titolo assoluto in carriera dopo i successi nella 10km su strada nel 2013 e nel cross a marzo scorso, poche settimane prima del suo probante 1h10:56 ai Mondiali di mezza maratona a Copenaghen. Alle sue spalle oggi sono finite nell'ordine l'ugandese Linet Chebet Toroitich (Atl. Brugnera Friulintagli/33:25.32), Claudia Pinna (CUS Cagliari/34:12.95) e Giovanna Epis (Forestale/34:28.62). Ottava assoluta e campionessa Promesse è Giulia Mattioli (Atl. RCM Casinalbo) in 34:54.83.

Al maschile il primo atleta al traguardo è stato l'ugandese Moses Kibet (Toscana Atletica) in 28:05.71 seguito da Chatbi che  ripete così il tricolore (il quarto in carriera compresi quelli di 3000 siepi e campestre) della passata stagione migliorandosi a 28:14.87 (precedente 28:56.27 nel 2013). Anche l'atleta della Riccardi Milano scende sotto il crono (28:20.00) indicato dalla Direzione Tecnica federale per la rassegna continentale in Svizzera. Al momento la sua prestazione lo colloca al sesto posto delle graduatorie europee 2014 che vedono già altri due azzurri tra i primi dieci: Daniele Meucci secondo (27:36.53) e Stefano La Rosa ottavo (28:19.36). Tornando, invece, a Ferrara completano il podio tricolore Yassine Rachik (Cento Torri Pavia) 28:50.45 - a lui va anche la maglia di campione under 23 - e Ahmed El Mazoury (Fiamme Gialle) 29:00.89.

sabato 17 maggio 2014

A Misterbianco (CT) domani seconda prova societari di marcia con Eleonora Giorgi

Eleonora Giorgi
La primatista italiana della 20km di marcia Eleonora Giorgi (Fiamme Azzurre) torna in gara domani a Misterbianco (CT) per la seconda prova dei Societari di specialità. L'azzurra reduce dal quinto posto in Coppa del Mondo a Taicang (Cina) si cimenterà (ore 11:45) sui 5000 metri in pista. La 24enne milanese delle Fiamme Azzurre quest'anno ha riscritto anche la migliore prestazione nazionale indoor dei 3000 metri in 11:50.48. A Taicang aveva marciato i 5km finali in 20:47, praticamente bissando il personale in pista sulla stessa distanza: 20:46.2 ad aprile 2013 a Milano. Il miglior crono italiano di sempre sui 5000 metri appartiene ad Elisabetta Perrone che il 2 agosto del 2003 a Rieti tagliò il traguardo in 20:12.41.
Attesi in gara anche altri protagonisti di notevoli progressi in Coppa del Mondo come l'under 23 Michele Fortunato (Enterprise Sport & Service) e gli juniores Gregorio Angelini (Alteratletica Locorotondo), Eleonora Dominici (ACSI Italia Atletica) e Nicole Colombi (Atl. Brescia 1950), tutti iscritti nei 10.000 metri. Domenica allo Stadio "Valentino Mazzola" sarà la volta anche di Riccardo Macchia (Fiamme Oro), Mirko Dolci (Aeronautica), Leonardo Dei Tos (Bracco Atletica) e delle promesse Anna Clemente (Fiamme Gialle), Elena Poli (Atl. Brescia 1950) e Mariavittoria Becchetti (Studentesca CaRiRi).

venerdì 16 maggio 2014

1° EDIZIONE DELLA CAMMINATA/CORSA UNA MANO ALLA SPERANZA PER LE MALATTIE REUMATICHE Sabato 17 maggio alle 14 da piazza Duomo

In Italia sono quasi 6 milioni e mezzo le persone che soffrono di malattie muscoloscheletriche e di queste circa 800 mila sono colpite da forme croniche invalidanti. In Trentino i malati reumatici sono diverse migliaia.
Nel nostro paese il 27% delle pensioni di invalidità è causato da una malattia reumatica, una percentuale inferiore solo a quelle registrate per le patologie cardiovascolari e le neoplasie.
Nonostante numeri così importanti queste patologie – che ammontano a più di 100 – rimangono in gran parte poco conosciute: sono infatti a tutt’oggi malattie ancora scarsamente considerate a livello sociale, tanto che sono etichettate come “malattie del silenzio”.
Per accendere l’attenzione su questa dimensione e far crescere la consapevolezza delle difficoltà collegate a queste patologie anche sul territorio provinciale l’Associazione Trentina Malati Reumatici – ATMAR con l’Unità Operativa di Reumatologia dell’ospedale S. Chiara organizza sabato 17 maggio la prima edizione della camminata/corsa non competitiva intitolata Una mano alla Speranza per le malattie reumaticheLa camminata si snoderà su un percorso lungo 8 chilometri con partenza da piazza Duomo alle 14.
La manifestazione, patrocinata dalla Provincia autonoma di Trento, dal Comune di Trento, dall’APSS, si avvale della collaborazione tecnico-organizzativa del Marathon Club e del Nordic Walking Arcobaleno di Trento.
L’iniziativa si inserisce nella campagna multimediale di sensibilizzazione nazionale ideata e programmata dalla Società Italiana di Reumatologia (SIR) per far conoscere alla popolazione la rilevanza sanitaria e sociale delle patologie reumatiche, fornendo una corretta informazione finalizzata alla diagnosi precoce per prevenire l’evoluzione severa di tali malattie e per promuovere la ricerca reumatologica.
ATMAR partecipa alla Camminata, attraverso i suoi volontari, mettendo a disposizione materiali informativi sulle malattie reumatiche e sull’attività di sostegno per i malati reumatici, mentre i reumatologi dell’ospedale Santa Chiara saranno presenti in piazza Duomo, in un camper messo a disposizione dall’APSS, per fornire informazioni sulle malattie reumatiche e sull’offerta assistenziale erogata in Trentino.
I NUMERI
L’OMS (l’Organizzazione Mondiale della Sanità) indica le malattie reumatiche come la prima causa di dolore e disabilità in Europa e ricorda che queste da sole rappresentano la metà delle malattie croniche che colpiscono la popolazione.
Sulla popolazione dai 19 a 60 anni le malattie reumatiche hanno un’incidenza del 18%, percentuale che sale all’81% negli over 60. Sono tuttavia patologie che colpiscono anche in età infantile.
Se si considerano le patologie reumatiche più gravi e potenzialmente invalidanti cioè le malattie reumatiche infiammatorie, come l’artrite reumatoide, la spondilite anchilosante, l’artrite psoriasica, le vasculiti, le connettiviti, fra cui il LES (lupus eritematoso sistemico), la sclerodermia (sclerosi sistemica), la polimiosite, nel 10% dei casi si registra uno stato di invalidità lavorativa totale e permanente dopo solo due anni dall’insorgenza, nel 30% dei casi dopo 5 anni e nel 50% dei casi dopo 10 anni.
Ciò significa che la progressione delle malattie reumatiche più severe, se non opportunamente e tempestivamente controllata e contrastata con una diagnosi precoce e cure adeguate, incide pesantemente e in maniera progressiva sulla qualità di vita, sulla frequenza dei ricoveri e sulla produttività.
Le malattie reumatiche si calcola causino 22 milioni di giornate di lavoro perse ogni anno in Italia, che corrispondono ad un calo di produttività di quasi 3 miliardi di euro.
Anche in Trentino le malattie reumatiche si caratterizzano per un’alta frequenza, un elevato rischio invalidante e per alti costi sociali che comportano un serio problema sanitario e sociale.
Per le forme più gravi, ovvero le patologie reumatiche infiammatorie autoimmuni, si può stimare, in difetto, una prevalenza globale di malattia in Trentino dell’1%-1,5%. Vuol dire che in Trentino sono alcune migliaia i pazienti che soffrono di forme reumatiche infiammatorie, cioè di patologie ad alto impatto diagnostico e di elevata competenza specialistica ,che necessitano di complessi livelli organizzativi per consentire la prevenzione di gravi forme di disabilità. Vanno poi aggiunte le forme degenerative, l’osteoporosi, e i reumatismi extra-articolari in genere; la sola fibromialgia ha una prevalenza di circa il 1,5-2% nella nostra popolazione.
L’idea popolare quindi di “reumatismo” come di forma cronica, legata all’età, della quale tutti devono soffrire, ma in realtà benigna, non trova riscontro se non per alcuni reumatismi “minori”.
Oggi come ieri, nonostante i progressi scientifici, essere malato reumatico, significa affrontare ogni giorno la convivenza con il dolore, le limitazioni funzionali, lo stravolgimento della quotidianità, le difficoltà lavorative, le difficoltà negli atti quotidiani di vita , di cura della persona, scadimento della qualità di vita, rischio di accorciamento della vita stessa sia per la gravità di malattia in sé, sia per gli effetti collaterali dei farmaci, sia per il coinvolgimento di strutture vitali dell’organismo.

giovedì 15 maggio 2014

Golden Gala Roma 2014, si parte il 5 Giugno

Tutto è pronto a Roma per il Golden Gala 2014 che prenderà il via dalla capitale tra 3 settimane esatte Giovedì 5 giugno  e la 34esima edizione del meeting romano, valida come quarta tappa della Diamond League IAAF si presenta con uno Straordinario cast di partecipanti: tra loro, gli altisti Ivan Ukhov (Russia) e Bohdan Bondarenko (Ucraina), gli sprinter Justin Gatlin (USA) e Shelly-Ann Fraser-Pryce (Giamaica), il quattrocentista Lashawn Merritt (USA), la mezzofondista etiope Genzebe Dibaba, ed i colleghi di specialità del Kenay Abel Kiprop ed Ezekeil Kemboi. 
A calamitare l’attenzione sarà certamente la gara di salto in alto maschile, specialità vetrina delle ultime due stagioni, che sulla pedana dell’impianto capitolino – la stessa sulla quale nel 1987 fu stabilito il primato del mondo donne, il 2,09 della bulgara Stefka Kostadinova – metterà di fronte tutti i suoi più forti rappresentanti: il russo Ivan Ukhov (campione olimpico a Londra 2012, capace di salire a quota 2,41 proprio a Doha), l’ucraino Bohdan Bondarenko (campione del mondo a Mosca la scorsa estate, 2,40 domenica mattina 11 maggio a Tokyo), il canadese Derek Drouin (bronzo sia a Londra sia a Mosca, 2,40 il 25 aprile scorso a Des Moines), il qatariano Mutaz Essa Barshim (campione del mondo indoor a Sopot 2014, 2,40 la passata stagione), più i russi Silnov, Tsiplakov e Dmitrik e l’azzurro Marco Fassinotti, portacolori dell’Aeronautica Militare, primatista italiano quest’anno con 2,34 e finalista mondiale nella rassegna iridata al coperto di Sopot. In altre parole, una finale olimpica, nella stagione della caccia al record del mondo del cubano Javier Sotomayor (2,45, nel 1993). che non riuscirà comunque a mettere in ombra le altre gare.
L’ELENCO DEGLI AZZURRI AL GOLDEN GALA PIETRO MENNEA 2014:
UOMINI – 200: Andrew Howe (Aeronautica); 400: Matteo Galvan (Fiamme Gialle); 800: Giordano Benedetti (Fiamme Gialle);alto: Marco Fassinotti (Aeronautica); triplo: Fabrizio Donato (Fiamme Gialle), Daniele Greco (Fiamme Oro) e Fabrizio Schembri (Carabinieri); disco: Hannes Kirchler (Carabinieri).
DONNE – 100hs: Veronica Borsi (Fiamme Gialle) e Marzia Caravelli (Aeronautica); 400hs: Yadisleidy Pedroso (CUS Pisa Atletica Cascina); asta: Sonia Malavisi (Fiamme Gialle); triplo: Simona La Mantia (Fiamme Gialle); peso: Chiara Rosa (Fiamme Azzurre);giavellotto: Sara Jemai (Esercito).

mercoledì 14 maggio 2014

Bondarenko risponde ad Ukhov nell’alto con m.2,40 nella sfida a distanza

Bohdan Bondarenko non poteva fare regalo più bello alla pedana dello Stadio Olimpico di Tokyo, che ha ospitato per l'ultima volta un meeting, il Seiko Golden Grand Prix (IAAF World Challenge), prima della demolizione dell'impianto. Ne sarà costruito infatti uno nuovo per accogliere la gare delle Olimpiadi 2020. L'ucraino campione del mondo, all'esordio stagionale e al primo confronto diretto col russo Ivan Ukhov (2,41 a Doha meno di 48 ore prima), ha regolato i conti issandosi senza sbavature sopra i 2,40, primato del meeting e secondo miglior salto mai effettuato in Giappone (guida il sovietico e kirghizo Paklin col 2,41 delle Universiadi di Kobe, allora record mondiale).

martedì 13 maggio 2014

Risultati seconda giornata societari regionali 2014, ottimo 8,05 di Tremigliozzi nel lungo

La seconda e conclusiva giornata dei campionati regionali di società fasi regionali ha regalato come miglior risultato  tecnico a livello nazionale la prestazione nel salto in lungo di Stefano Tremigliozzi che a Marano di Napoli atterra a 8,05 (+1.7) al primo salto. Il 29enne dell’Aeronautica, oggi in maglia Enterprise Sport & Service, arriva così ad un solo centimetro dal personale in sala (8,06) realizzato proprio lo scorso febbraio ad Ancona in occasione della vittoria agli Assoluti Indoor. All’aperto il lunghista campano aveva finora al suo attivo come miglior risultato l’8,01 centrato nel 2010 ad Avellino. Per lui, oltre che della conferma dello standard di iscrizione (7,95) per i prossimi Europei di Zurigo (Svizzera, 12-17 agosto), si tratta del terzo posto nelle liste continentali 2014.
Ieri in gara diversi altri azzurri compreso il capitano Nicola Vizzoni che si aggiudica senza problemi il martello a Pontedera (Pisa) con 72,14. Nella stessa sede l’esordio stagionale sui 400hs della primatista italiana Yadisleidy Pedroso si chiude in 56.66. Giovani protagonisti sui 200 metri ovvero gli juniores Jacopo Spanò, 21.29 (-0.1) a Torino, e Johanelis Herrera, 23.90 (+1.0) a Lodi. Atteso sul mezzo giro di pista a Rieti anche Andrew Howe che, però, ha rinunciato in via precauzionale ad andare sui blocchi di partenza a seguito di un leggero fastidio avvertito in riscaldamento. Restando a Rieti, ma nel lungo, 7,72 (-0.2) per Emanuele Catania, mentre nel salto con l’asta, è il bronzo degli Europei Juniores Sonia Malavisi ad aggiudicarsi, 4,30 a 4,20 il primo scontro diretto dell’anno con la primatista assoluta Roberta Bruni. A Lodi, Marta Milani conquista facilmente gli 800 metri in 2:04.02, mentre a Vicenza la promessa Federica Del Buono si migliora a 2:05.35. A Palermo, la triplista Simona La Mantia vince anche il lungo con 6,11 (-0.2), mentre nell’alto di Modena 2,18 per Ferrante Grasselli.

domenica 11 maggio 2014

Risultati Societari regionali prima giornata, brilla Silvia Salis nel martello

Silvia Salis
Si è svolta ieri in 18 sedi la prima prova regionale dei Campionati di Società Assoluti con 323 le società in gara - 526 formazioni complessive - per conquistarsi un posto in una delle sei finali in programma il 27 e 28 settembre. In apertura da Imperia arriva la martellata di Silvia Salis (CUS Genova/Fiamme Azzurre) che all’esordio nella stagione estiva centra la misura di 69,80. Allo Stadio Raul Guidobaldi di Rieti la primatista italiana (sia indoor che all’aperto) e bronzo agli Europei Indoor di Goteborg 2013 Veronica Borsi (ACSI Italia/Fiamme Gialle) torna sui 100hs con il crono di 13.30 (+1.2) e la sfida sui 100 metri vede vincere Fabio Cerutti (Fiamme Gialle) in 10.46 (+1.2) davanti ad Andrew Howe (Studentesca CaRiRi), secondo in 10.48. Domani il reatino correrà i 200.
Opta per i 100 metri anche Daniele Greco (Fiamme Oro), tornato in gara a Vicenza dopo l’infortunio patito ai primi di febbraio. L’oro continentale indoor di salto triplo vince la gara in 10.75 (-0.2) mentre dall’altro capo d'Italia nel triplo Simona La Mantia (CUS Palermo/Fiamme Gialle) che a Palermo atterra a 13,94. Sempre sui 100 ma a Pontedera (PI) è prima Audrey Alloh (Firenze Marathon/Fiamme Azzurre) che in 11.54 (+0.7) anticipa Irene Siragusa (Atletica 2005,11.68) e Chiara Bazzoni (Esercito,11.83). L'appena diciottenne Erika Furlani (CUS Pisa Atletica Cascina) valica 1,87 nel salto in alto con l’Allievo Yohanes Chiappinelli (Montepaschi Uisp Atl. Siena) che corre i 3.000 siepi in 8:57.79, miglior prestazione italiana di categoria (precedente 9:08.69 di Andrea Sanguinetti - Milano, 2 agosto 2009). La Finale Oro, quella che deciderà gli scudetti 2014, si terrà a Milano il 27 e 28 settembre con i 12 migliori team in lotta per il titolo di campione d’Italia.

venerdì 9 maggio 2014

Partono i societari assoluti 2014 fasi regionali

Parte la prima fase regionale dei Campionati di Società Assoluti con una notizia che scuote tutto il movimento, la mancanza in Abruzzo degli atleti dell’Atletica Vomano di Teramo società Campione Italiana nel 2010 e protagonista dei societari degli ultimi 5 anni che non si è iscritta. Questo è un segnale preoccupante per tutto il movimento che dimostra che qualcosa al più presto bisogna cambiare in questa atletica dei giorni nostri.
La fase regionale si svolgerà in 17 sedi regionali con 323 società iscritte e 526 formazioni complessive (292 maschili e 234 femminili). La Finale Oro, quella che deciderà gli scudetti 2014, è in agenda il 27 e 28 settembre a Milano. Tante dunque le piste e le pedane da tenere d’occhio durante il prossimo fine settimana per la presenza di diversi protagonisti azzurri.
Allo Stadio Raul Guidobaldi di Rieti sono annunciati la primatista italiana (sia indoor che all’aperto) e bronzo agli Europei Indoor di Goteborg 2013 Veronica Borsi sui 100hs ed Andrew Howe nei 200, rispettivamente in gara per l’ACSI Italia Atletica e la Studentesca CaRiRi, le due compagini che proprio sulla pista reatina, lo scorso settembre, hanno festeggiato la conquista dello scudetto. Attenzione poi ai triplisti azzurri: il campione europeo al coperto del salto triplo Daniele Greco (Fiamme Oro) ha annunciato che tornerà alle gare – dopo l’infortunio patito durante le indoor – con un test sui 100 a Vicenza. Fabrizio Schembri (Carabinieri/Rovellasca), ottavo ai Campionati Mondiali di Mosca, farà il triplo (con un’opzione sul lungo) a Busto Arsizio e Simona La Mantia (Fiamme Gialle/CUS Palermo) è attesa in entrambe le specialità sulla pedana casalinga di Palermo.
Si accendono le luci poi su un altro debutto di estremo interesse, quello di un’altra primatista italiana degli ostacoli: Yadisleidy Pedroso inaugura sabato la prima stagione agonistica in cui potrà vestire la maglia azzurra scendendo in pista sui 400 con barriere a Pontedera, dove correrà nei 100 anche Audrey Alloh (Fiamme Azzurre/Firenze Marathon). Tornano in gara, a Rieti, anche la primatista italiana dell’asta in sala Roberta Bruni (Forestale/CaRiRi) e la martellista Silvia Salis (CUS Genova/Fiamme Azzurre) a Imperia.
QUESTE LE SEDI REGIONALI:
-Alto Adige/Trentino: Trento
- Abruzzo: Sulmona
- Basilicata/Calabria: Cosenza
- Campania: Marano di Napoli
- Emilia Romagna: Modena
-Friuli Venezia Giulia: Spilimbergo (PN)
- Lazio: Rieti
-Liguria: Imperia
-Lombardia: Lodi (donne) e Busto Arsizio (uomini)
- Marche: Macerata
- Piemonte/Valle d’Aosta: Torino
- Puglia: Bari
- Sardegna: Sardegna
- Sicilia: Palermo
- Toscana: Pontedera
- Umbria: Orvieto
- Veneto: Vicenza

mercoledì 7 maggio 2014

Diamond League 2014, domani si parte da Doha (Qatar)

Questo è il programma delle tappe della Diamond League IAAF, con l’elenco delle gare che attribuiscono punti validi ai fini della classifica finale. Pe l’Italia ci sarà come ogni anno Il Golden Gala Pietro Mennea che è previsto per il prossimo 5 giugno come sempre allo stadio Olimpico di Roma.Venerdì 9 maggio in Qatar le luci si accenderanno su un cast scintillante che, tra pista e pedane, vedrà almeno 35 medaglie olimpiche in gara. Nell’alto – dove andrà in scena il primo round all’aperto tra l’olimpionico Ukhov e l’iridato indoor Barshim con il canadese Drouin appena entrato nel club dei 2,40 – ci sarà anche Marco Fassinotti. Il piemontese dell’Aeronautica a febbraio ha portato il record italiano assoluto a 2,34 e non gareggia dal 9 marzo, ovvero dalla finale dei Mondiali Indoor di Sopot dove è giunto sesto (2,29). Venerdì saranno passati esattamente 61 giorni da quella data e l’azzurro si racconta così alla vigilia della sua partenza per il Qatar: Ecco l’elenco della Diamond League IAAF 2014:
Doha (QAT) 09.05.2014
Shanghai (CHN) 17.05.2014
Eugene (USA) 31.05.2014
ROMA (ITA) 05.06.2014
Oslo (NOR) 11.06.2014
New York (USA) 14.06.2014
Losanna (SUI) 03.07.2014
Parigi (FRA) 05.07.2014
Londra (GBR)2 giiornate-11.07.2014
Monaco (MON) 18.07.2014
Stoccolma (SWE) 21.08.2014
Birmingham (GBR) 24.08.2014
Zurigo (SUI) 28.08.2014
Bruxelles (BEL) 05.09.2014


martedì 6 maggio 2014

Societari Allievi 2014 fasi regionali, tutti i risultati

Si è conclusa la prima fase dei Campionati di Società Allievi che nel fine settimana ha visto 180 squadre impegnate nelle 17 sedi regionali, in pista per conquistare l'accesso ad una delle cinque finali nazionali in programma il 4 e 5 ottobre. Nella stagione dei Giochi Olimpici Giovanili di Nanjing (Cina, 16-28 agosto) e dei Trials Europei di Baku (Azerbaijan, 30 maggio-1 giugno) fra sabato e domenica sono stati diversi gli azzurrini a mettersi in luce. A Biella si fa notare il 2,15 nel salto in alto dell'ex Cadetto Stefano Sottile (Atl. Valsesia, lo scorso ottobre a Jesolo vinse il Criterium Cadetti con il PB di 1,98), miglioratosi di dieci centimetri in poche settimane. Il piemontese entra di prepotenza nelle liste italiane alltime di categoria, diventando il terzo Allievo di sempre alle spalle di Roberto Cerri e Massimo Di Giorgio. Era dal 2008 che un under 18 non saltava così: l’ultimo fu Giuseppe Carollo. Ieri a Livorno Yohanes Chiappinnelli (Montepaschi UISP Atletica Siena) alla sua seconda esperienza sui 2000 siepi ha fatto segnare un notevole 5:48.06 mentre nella stessa specialità a Saronno Nicole Svetlana Reina (CUS Pro Patria Milano) ha corso un’altra volta molto vicino al primato italiano siglando 6:40.53. Sempre ieri ma in Puglia, a Bari, Noemi Stella (Don Milani) ha fatto segnare il suo secondo crono di sempre sui 5.000 di marcia: 22:46.93, inferiore anche al tempo con cui ha vinto il bronzo dei Mondiali Allievi nell'estate scorsa. Spiccano anche il 13.90 (+0.7) di Martina Millo (Polisportiva Triveneto Trieste) nei 100 ostacoli di Codroipo (UD) e il  2:09.03 di Elena Bellò (Atl. Vicentina) negli 800 di Vicenza. A margine dei Societari di Rieti ha rimandato a causa del forte vento l’atteso esordio sui 400 ostacoli l’azzurra Marzia Caravelli (Aeronautica): la primatista italiana dei 300hs ha corso invece i 200 in 23.64 (+2.3). Stessa gara per Chiara Bazzoni (Esercito) a Orvieto: per lei 24.11 (+4.1), dopo il personale di 11.85 realizzato ieri nei 100 metri.Dariya Derkach a Roma ha corso i 100 in 1.93 (+2.9).

lunedì 5 maggio 2014

Corsa in Montagna, bis di Baldaccini alla Maddalena


Alex Baldaccini rimane padrone della Maddalena. Il bergamasco del GS Orobie sabato 3 maggio ha vinto la Scalata della Maddalena, battendo per il secondo anno consecutivo Bernard Dematteis (Polisportiva Valle Varaita). L’azzurro della corsa in montagna si conferma così nella 7,8 chilometri lungo la strada che sale sul Monte Maddalena, classicissima della corsa in montagna organizzata dalla U.S. Audaces e giunta alla XXIII edizione. A Muratello di Nave, in provincia di Brescia, il copione è simile a quello dello scorso anno, con Baldaccini che s’invola da subito in testa e conquista in progressione trenta secondi di vantaggio sul campione europeo in carica Dematteis: 31:19 a 31:49. Al terzo posto c’è l’altro Dematteis, Martin, in 32:18. Seguono Hannes Rungger (Sportler Team), Massimiliano Zanaboni e Cesare Maestri (Valchiese).
Fra le donne la protagonista è una sola, Elisa Desco (Atl. Alta Valtellina) che va a vincere in 37:32. La seconda, Samantha Galassi de La Recastello Radici Group ferma il cronometro a 38:57 con Renate Rungger (Forestale) a 39:18.