giovedì 27 agosto 2015

Bolt: oggi a caccia del secondo oro sui 200 metri Gatlin

Usain Bolt oggi affronterà la finale dei 200 metri con più tranquillità rispetto alla gara dei 100 dove era apparso decisamente più tirato.
Lo si è visto ieri nella terza semifinale dei 200 quando ha guardato non indietro, per controllare gli avversari, ma verso l’alto. Non si è perso un solo attimo dello spettacolo, in cui recitava la parte di attore protagonista:
19”95, prima volta in stagione sotto i 20″, con il sorriso stampato in volto. Ha giocato la carta psicologica nei confronti del buio Gatlin, imbattuto sulla distanza da due anni, ma che pensa che il mondo stai congiurando contro di lui.
Justin è stato rapido nella messa in moto nella seconda semifinale, poi ha svolto il compitino che Dennis Mitchell gli aveva affidato: vincere la batteria senza strafare e mantenendo un corretto assetto di corsa, 19”87 alla fine con una bava di vento contrario.
Usain è più bello da vedere nella corsa perché scorre via con potenza dolce, mentre Justin è meccanico come un soldatino, anche se correttissimo, di scuola. Tutte e due hanno nascosto qualcosa, e oggi sarà ancora decisa dal fattore umano, conterà molto quello che succederà nella stanza di chiamata prima del via. Solo un Bolt davvero stanco potrebbe trovarsi in difficoltà.

Nessun commento:

Posta un commento